Loader

Early Adopters & Gluten-Free: una strategia vincente per il successo commerciale

Early Adopters & Gluten-Free: una strategia vincente per il successo commerciale

Il mercato del senza glutine è un settore in forte espansione che, negli ultimi anni, ha visto l’ingresso di nuovi attori, concentrati sempre di più sulla qualità e sul gusto dei loro prodotti. Questa scelta risponde alle esigenze dei consumatori, sempre più attenti alla salute e alla sostenibilità degli alimenti che acquistano.
Tuttavia, non basta proporre prodotti vestiti a nuovo, con formati e confezioni accattivanti, per conquistare il mercato.
Una recente ricerca, pubblicata da “il Sole 24 Ore” , ha evidenziato come il successo di questi prodotti sia spesso effimero, perché non soddisfano la domanda di innovazione dei consumatori.

In questo scenario, i cosiddetti “Early Adopters” giocano un ruolo fondamentale.

Early Adapters: chi sono?

Chi sono gli “EARLY ADOPTERS”?

Si tratta di quei consumatori che sono sempre alla ricerca di nuove tecnologie, prodotti e tendenze, e che le adottano prima degli altri.

Grazie alla loro influenza sui social media, al loro passaparola e alla loro voglia di sperimentare, gli Early Adopters sono i veri trendsetter del mercato. Sono loro che riconoscono i vantaggi e i benefici di una nuova idea o prodotto, e che ne fanno da testimonial agli altri potenziali utilizzatori. Questi clienti lungimiranti sono sempre alla ricerca di innovazioni e prodotti di tendenza, e la loro influenza può determinare l’adozione di massa di nuove proposte. Ma non si tratta di consumatori ingenui che si lasciano abbindolare dal primo prodotto che trovano; sono clienti competenti, che sanno di cosa parlano e valutano in base alla propria esperienza. Sanno quello che vogliono, e il loro parere ha un grande valore per gli altri consumatori.
Ecco perché investire su di loro può rappresentare la chiave per il successo a lungo termine della tua attività!

Cosa rende gli “Early Adopters” così speciali?

  • Sguardo rivolto al futuro: Animati da una naturale curiosità, sono costantemente a caccia di innovazioni, sapori e tendenze emergenti nel mondo del food.
  • Influenzatori naturali: La loro passione per la scoperta li rende opinion leader capaci di dettare nuovi trend e influenzare le scelte di altri consumatori.
  • Palato sopraffino: Apprezzano l’eccellenza e la ricercatezza, non solo in termini di gusto, ma anche di qualità degli ingredienti e originalità delle proposte.

Early Adapters: perchè sono speciali

GLUTEN FREE: PERCHÈ INVESTIRE?

Il mercato dei prodotti gluten free è in forte crescita e richiede una rapida adattabilità da parte delle aziende del settore alimentare. Non si tratta solo di soddisfare le esigenze dei consumatori celiaci o intolleranti al glutine, ma anche di…

intercettare le preferenze di una fascia sempre più ampia di clienti che sceglie il senza glutine per motivi di salute o di benessere.

Per questo motivo, è essenziale offrire prodotti gluten free di qualità, che non siano solo sicuri e tracciabili, ma anche gustosi, leggeri e innovativi. Per raggiungere questo obiettivo, è necessario selezionare con cura gli ingredienti, valorizzare le proprietà organolettiche delle materie prime e ottimizzare il processo produttivo. Inoltre, è importante formare il personale sulle norme di sicurezza alimentare e sulle buone pratiche per evitare la contaminazione con il glutine. Infine, è opportuno curare l’immagine e l’atmosfera del locale, rendendolo accogliente, pulito e confortevole per i clienti.

COME USCIRE DALLA MASSA?

Per differenziarsi nel settore del foodservice e della grande distribuzione organizzata, una buona strategia è offrire prodotti senza glutine, precotti, realizzati con ingredienti di qualità. Questi prodotti rispondono alle richieste di una clientela esigente, che vuole soluzioni rapide, ma saporite e salutari.
Per il mercato del foodservice, le basi precotte senza glutine rappresentano un’opportunità da non perdere: sono semplici da usare, ottimizzano tempi e costi, e assicurano un prodotto finale eccellente. Queste caratteristiche sono in linea con le aspettative degli Early Adopters, che oggi sono alla ricerca costante di innovazione, benessere, gusto e convenienza.

Conquista gli Early Adopters con le nostre basi pizza senza glutine

Conquista gli Early Adopters con le nostre basi pizza senza glutine! Clicca sull’immagine


Scopri di più su quali sono gli Early Adopters nel settore del foodservice:

  • Si tratta di persone che hanno una sensibilità particolare verso il tema dell’alimentazione sana e naturale, che soffrono di intolleranza al glutine o che vogliono seguire una dieta più equilibrata.
  • Sui social seguono influencer, blogger, chef e nutrizionisti che parlano di cibo senza glutine, ricette, consigli e novità. Usano anche questi canali per condividere le loro esperienze, opinioni e recensioni sui prodotti che provano.
  • Proprio perché il problema li coinvolge direttamente, sono persone informate, che difficilmente si lasceranno convincere con le emozioni, ma che piuttosto si lasceranno persuadere dai fatti.
  • Interessi: A livello nutrizionale sono interessati a cibi che apportano benefici per l’organismo e per la mente. Sono molto sensibili verso argomenti quali sostenibilità ambientale, riduzione di spreco di cibo, agricoltura biologica e a miglioramento del “animal welfare”.

 

  • Età: tra i 25 e i 45 anni (Millenials)
  • Genere: prevalentemente femminile, ma anche maschile se si tratta di sportivi o di persone attente alla forma fisica.
  • Situazione famigliare: single, coppie giovani o famiglie con bambini piccoli, che cercano soluzioni pratiche e veloci per preparare dei pasti gustosi e salutari.
  • Consumi in base alla situazione famigliare: Le coppie senza figli e sotto i 35 anni sono disposte a spendere più della media, con un orientamento verso il benessere fuori e dentro il corpo. Scelgono prodotti senza lattosio, senza allergeni, gluten free, ma occasionalmente, quando vogliono premiarsi, lo fanno con il prodotto al quale assegnano la maggiore qualità sensoriale, nutrizionale ed etica. Quando arrivano i bimbi alcune cose cambiano. Le famiglie con bambini sotto i 7 anni si orientano verso prodotti privi il più possibile di sale e zuccheri, ma ricchi di ferro, calcio e vitamine. In graduatoria anche quelli senza additivi, coloranti e conservanti.
  • Da CHI sono influenzati? La maggior parte dei consumatori precoci trova in amici e famigliari fonte di influenza diretta ed immediata; gli influencers primari differenziano in base alla generazione: la generazione Z vede in TikTok una fonte inesauribile di curiosità, esattamente come i Millenial scelgono Instagram come social di riferimento. La generazione X, seguita dai Baby Boomers, si mantiene analogica, e lascia che siano i ristoranti ad influenzarli.

 

  • Altri interessi: viaggiare, scoprire nuove culture e cucine, fare sport, leggere, ascoltare musica, frequentare corsi e eventi legati al benessere e alla sostenibilità.