Loader

Mensa scolastica Senza glutine? Certo che sì!

Mensa scolastica Senza glutine? Certo che sì!

La mensa scolastica: un’esperienza importante per crescere e socializzare!

Purtroppo, dobbiamo ammettere che non tutte le mense scolastiche sono un modello di eccellenza. Ci sono stati casi noti, che hanno fatto scalpore nazionale, di scandali alimentari legati alle mense scolastiche, e questo preoccupa i genitori che desiderano essere informati sui pasti, sugli chef, sugli ingredienti utilizzati e sulle modalità di distribuzione nelle diverse scuole. Immaginate la preoccupazione dei genitori di un bambino celiaco: e se i pasti fossero contaminati? Cosa c’è dentro quei pasti? E se il bambino si sentisse male a scuola? Molto spesso, per paura, i genitori preferiscono evitare la mensa e portano il cibo senza glutine da casa. A volte, arrivano persino a far mangiare il bambino da solo, isolato dagli altri, solo per paura di contaminazioni accidentali.

Esaminiamo quindi la situazione dei celiaci che frequentano la mensa scolastica.

Mense pubbliche e la legge 123 del 2005

Un punto di riferimento fondamentale è la legge 123 del 2005 che stabilisce le norme per proteggere i soggetti celiaci. Questa legge impone che nelle mense delle strutture pubbliche devono essere serviti pasti senza glutine, su richiesta dell’interessato. Ecco perché la mensa scolastica non può tirarsi indietro quando si tratta di preparare un pasto gluten-free per coloro che ne hanno bisogno.

Inoltre, il personale deve fare tutto il possibile per evitarela  che il pasto “diverso” sia motivo di discriminazione, visto che i celiaci ricevono pasti diversi dagli altri compagni di classe.

Tuttavia, va notato che la legge riguarda solo le mense pubbliche, come ospedali, enti e amministrazioni, mense delle scuole parificate e università, ma non si applica alle mense private.

Fondi nazionali per i pasti senza glutine

La legge prevede anche l’assegnazione di fondi nazionali alle Regioni in base al numero di mense pubbliche sul territorio. Questi fondi sono destinati all’acquisto di ingredienti per i celiaci, come farine e pasta senza glutine, ma anche per la formazione continua degli operatori, come cuochi e nutrizionisti.

Formazione degli operatori dei servizi di cucina e mensa

La formazione del personale addetto alle cucine e alle mense è fondamentale per garantire pasti adatti ai celiaci: ha avuto molto successo negli ultimi anni un progetto della Regione Piemonte e dell’ASL Torino 3, denominato “Ottimizzazione della somministrazione di pasti senza glutine nelle mense delle strutture scolastiche ed ospedaliere e nelle mense delle strutture pubbliche” che prevede varie attività, tra cui corsi di formazione per insegnanti e ristoratori.

Questo progetto coinvolge attivamente tutti gli attori coinvolti nella filiera della celiachia, dalle insegnanti che vigilano sui bambini in mensa agli operatori che selezionano gli ingredienti, li cucinano e li distribuiscono. I bambini celiaci hanno il diritto di partecipare alla mensa scolastica come tutti gli altri e di avere pasti sicuri e adatti alle loro esigenze. La cooperazione tra la scuola e i genitori è essenziale per garantire che ciò accada. Inoltre, la formazione e la sensibilizzazione del personale della mensa sono fondamentali per assicurare la corretta preparazione dei pasti senza glutine.

Il risultato

Ad oltre dieci anni dall’entrata in vigore della Legge Quadro, gli oltre 30.000 bambini e ragazzi celiaci di tutta Italia vedono riconosciuto il proprio diritto ad un pasto senza glutine nelle mense scolastiche. Anche se, come dimostrano le ancora frequenti segnalazioni ricevute dall’AIC, non sempre vengono osservate tutte le direttive della legge. Tra le indicazioni disattese più spesso, vengono evidenziate:

  • la garanzia di un pasto senza glutine simile, per aspetto e proprietà nutrizionali, al menu degli altri studenti;
  • un costo analogo al menu standard;
  • la corretta gestione del momento del pasto, per evitare l’isolamento: non occorre infatti separare fisicamente gli studenti celiaci dagli altri studenti, basta una semplice supervisione per evitare contaminazioni o che i bambini celiaci mangino il cibo dei compagni.

PizzaMI, con i suoi prodotti Senza Glutine per la ristorazione, può aiutare tutti gli enti e le associazioni coinvolti nella selezione, preparazione e distribuzione di pasti senza glutine nelle mense pubbliche (e private). La nostra selezione di prodotti varia dalla classica pizza margherita alla base pizza per preparazioni personalizzate (in teglietta anticontaminazione) ma anche agli accompagnamenti come le focaccine da 70 grammi, imbustate singolarmente e adatte alla cottura nel microonde, i minipanini da 20 grammi, la base pinsa che può essere un ottimo sostituto di focacce e torte salate, da guarnire o come componenti il cestino del pane, i filoncini da 70 grammi.

Chiedi di più al nostro Sales Manager!